Music chat! Rocco Hunt raps London – A musical triumph in the heart of the Capital!

This article is available in Italian at the bottom of this page. – Questo articolo è disponibile in italiano in fondo a questa pagina.

On April 18th, I accompanied my 17-year-old son Diego and his friend, along with their mother, to the concert of the famous Italian rapper Rocco Hunt at The Garage, a cosy indie venue in the Islington and Highbury neighbourhood, north of London.

Subsequently, we had the privilege of obtaining press credentials and personally interviewing the humble artist, whose clean appearance stands out from the typical image of international rappers, contributing to redefining the perception of the rap world. It was an unforgettable experience to spend time with our teenage children, sharing a moment that brought us together and will be precious as they grow up and become independent.

rocco hunt meets the london mums team

‘Rocchino’s’ songs, as he is called by fans, are an engaging mix of rap and romantic Latin soul and pop, telling life with all its nuances, often celebrating his love for his homeland, Campania. These captivating melodies are a generational bridge, uniting parents and children through music. For this reason, I express my gratitude to Rocco Hunt.

Rocco is a volcano of energy and a brilliant entertainer. The London audience responded enthusiastically to his interactive performances. The concert was an exceptional event that aroused great enthusiasm amongst both the Italian and British audience. Rocco, with his innate talent and authenticity, was able to convey unique emotions during his performance.

Rocco, whose real name is Rocco Pagliarulo, was born in Salerno, Italy, on November 21, 1994. Raised in the popular neighbourhood of Pontecagnano Faiano, he began to cultivate his passion for music from a young age, performing on the streets of his home-town.

His artistic journey is characterised by tireless dedication and innate talent that has made him one of the most representative figures of the Italian rap scene. Rocco gained popularity in 2014 with his debut album “Poeta Urbano,” which received wide acclaim from critics and audiences alike. Since then, he has continued to consolidate his success with other hit albums such as “Signor Hunt” and “Libertà.”

In addition to his music, Rocco is also known for his social commitment and support for youth causes. He is an ambassador of Neapolitan and Southern Italian culture, celebrating his roots through his engaging lyrics and unique style.

The concert at The Garage once again demonstrated his status as an artist of great talent and charisma. His magnetic presence on stage, combined with his overwhelming energy, enchanted everyone present. His impact on the Italian and international music scene is evident, and the concert in London was a triumph of Italian music.

Amongst his successes, “Musica Italiana,” his single dedicated to Italians abroad, has aroused great enthusiasm and participation from the London audience, confirming Rocco Hunt’s wide appeal beyond national borders.

Rocco Hunt, known for his unique and engaging style, has significantly contributed to promoting and preserving the Neapolitan dialect through his music. By singing primarily in Neapolitan dialect, he pays homage to his roots and the rich culture of his homeland. His song “Nu juorno buono” marked a historic moment when he won the prestigious Sanremo Festival in 2014, bringing Neapolitan to national prominence and contributing to its recognition as an authentic and vibrant language throughout Italy. With his urban poetry and captivating melodies, Rocco Hunt has transformed the Neapolitan dialect into a powerful means of artistic expression and has inspired a new generation to rediscover and appreciate the beauty of their mother tongue.

He has repeatedly expressed pride in his ‘terrone’ origins because ‘if you don’t love your own roots, if the roots are fragile, the tree falls.’ A very profound young man and a true street poet, an ‘urban poet,’ as he is known on social media.

These quotes offer an idea of Rocco Hunt’s engaging and profound lyrics, which explore universal themes such as love, freedom, and the cultural identity of Southern Italy. Using his words, Rocco captures the essence of everyday life and conveys emotions that resonate deeply with his audience.

Here is my brief interview with Rocco backstage, behind the scenes, before the concert.

Monica: Welcome to London! What ties you to this city, in particular?

Rocco: Certainly the fact that there are so many Italians, there is a strong Italian community. I am proud to be able to come here to represent this community. Tonight there are many people. I will give a concert to try to represent our country well.

Monica: This place, The Garage, is very ‘indie’. What are your expectations for the atmosphere of this somewhat unique place for your type of music?

Rocco: Mine is cross-genre music that starts from Rap, anyway Underground, reaches Pop, Reggaeton, Latino. Tonight there are all these pieces on the set-list. So I’m sure to be able to surprise a type of audience that doesn’t expect certain things from me.

Monica: The new song ‘Musica Italiana’ is very beautiful and is dedicated to us Italians abroad. I have been living in London for 26 years and my 17-year-old son was born here and is bilingual. We feel our song with the words dedicated to us. I saw that it also had a lot of success on Viva Rai 2 with Fiorello a few days ago. Is there a personal experience of yours that made you want to write this song?

Rocco: Certainly the emotion of when you travel abroad and especially for you who live abroad, the satisfaction and pride that overwhelms you when you listen to an Italian song at the supermarket, at the bar, at the restaurant. I think it’s a beautiful satisfaction. I really wanted to encapsulate that feeling.

Monica: You succeeded! But I wanted to know why you chose New York and not London as the backdrop for the music video for the song ‘Musica Italiana’…

Rocco: I grew up with New York American culture. There is a strong Italian-American community there. I haven’t lived there but I grew up with hip-hop music that influenced my style. But in New York, I haven’t done the concert yet. I am bringing my ‘Musica Italiana’ out of Italy for the first time here in London.

Monica: So we’re the first. How nice! Next time we want to see you at Wembley Stadium. In Italy, you fill stadiums and you will soon see that you will do it here too.

Rocco: Let’s hope so! We are growing. The first time, a few years ago, we played at Brixton Jam, today this and next time we’ll see. Step by step. Greetings to all Italian friends in London from Rocchino!

Translation in Italian

Rocco Hunt ‘rappa’ Londra: Un trionfo musicale nel cuore della Capitale britannica!

Il 18 Aprile ho accompagnato mio figlio Diego, 17 anni, e il suo amico, insieme alla madre, al concerto del famoso rapper italiano Rocco Hunt al The Garage, un locale indie accogliente nel quartiere di Islington and Highbury, a nord di Londra.

rocco hunt meets the london mums team

Successivamente, abbiamo avuto il privilegio di ottenere l’accredito stampa e intervistare personalmente l’umile artista, il cui aspetto pulito si distingue dalla tipica immagine dei rapper internazionali, contribuendo a ridefinire la percezione del mondo del rap. È stata un’esperienza indimenticabile trascorrere del tempo con i nostri figli adolescenti, condividendo un momento che ci ha unito e che sarà prezioso mentre crescono e diventano indipendenti.

Le canzoni di ‘Rocchino’, come si fa chiamare dai fans, sono un coinvolgente mix di rap e Latin soul romantico e pop, che raccontano la vita con tutte le sue sfumature, spesso celebrando l’amore per la sua terra, la Campania. Queste melodie accattivanti sono un ponte generazionale, unendo genitori e figli attraverso la musica. Per questo motivo, esprimo la mia gratitudine a Rocco Hunt.

Rocco è un vulcano di energia e un intrattenitore brillante. Il pubblico londinese ha risposto con entusiasmo alle sue performance interattive.

Il concerto è stato un evento eccezionale che ha suscitato grande entusiasmo sia tra il pubblico italiano che britannico. Rocco, con il suo talento innato e la sua autenticità, ha saputo trasmettere emozioni uniche durante la sua performance.

Rocco, il cui vero nome è Rocco Pagliarulo, è nato a Salerno, Italia, il 21 novembre 1994. Cresciuto nel quartiere popolare di Pontecagnano Faiano, ha iniziato a coltivare la sua passione per la musica fin da giovane, esibendosi nelle strade della sua città natale.

Il suo percorso artistico è caratterizzato da una dedizione instancabile e da un talento innato che lo ha portato a diventare una delle figure più rappresentative della scena rap italiana. Rocco ha guadagnato popolarità nel 2014 con il suo album di debutto “Poeta Urbano”, che ha ricevuto ampi consensi dalla critica e dal pubblico. Da allora, ha continuato a consolidare il suo successo con altri album di successo come “SignorHunt” e “Libertà”.

Oltre alla sua musica, Rocco è conosciuto anche per il suo impegno sociale e il suo sostegno alle cause giovanili. È un ambasciatore della cultura napoletana e del sud Italia, celebrando le sue radici attraverso le sue liriche coinvolgenti e il suo stile unico.

Il concerto al The Garage ha dimostrato ancora una volta il suo status di artista di grande talento e carisma. La sua presenza magnetica sul palco, unita alla sua energia travolgente, ha incantato tutti i presenti. Il suo impatto sulla scena musicale italiana e internazionale è evidente, e il concerto a Londra è stato un trionfo della musica italiana.

Tra i suoi successi, “Musica Italiana”, il suo singolo dedicato agli italiani all’estero, ha suscitato grande entusiasmo e partecipazione da parte del pubblico londinese, confermando l’ampio appeal di Rocco Hunt oltre i confini nazionali.

Rocco Hunt, noto per il suo stile unico e coinvolgente, ha contribuito in modo significativo a promuovere e preservare il dialetto napoletano attraverso la sua musica. Cantando principalmente in dialetto napoletano, ha reso omaggio alle sue radici e alla ricca cultura della sua terra d’origine. La sua canzone “Nu juorno buono” ha segnato un momento storico quando ha vinto il prestigioso festival di Sanremo nel 2014, portando il napoletano alla ribalta nazionale e contribuendo a farlo riconoscere come una lingua autentica e vibrante in tutta Italia. Con la sua poesia urbana e le melodie accattivanti, Rocco Hunt ha trasformato il dialetto napoletano in un mezzo potente di espressione artistica e ha ispirato una nuova generazione a riscoprire e apprezzare la bellezza della sua lingua madre.

Più volte ha ripetuto di essere orgoglioso delle sue origini ‘terrone’ perché ‘se non si amano le proprie radici, se le radici sono fragili, l’albero cade’. Un ragazzo molto profondo e un vero poeta di strada, un ‘poeta urbano’, come è conosciuto sui social media.

Queste citazioni offrono un’idea dei testi coinvolgenti e profondi di Rocco Hunt, che esplorano temi universali come l’amore, la libertà e l’identità culturale del sud Italia. Utilizzando le sue parole, Rocco cattura l’essenza della vita quotidiana e trasmette emozioni che risuonano profondamente con il suo pubblico.

 

Ecco la mia breve intervista con Rocco nel backstage, dietro le quinte, prima del concerto.

Monica: Benvenuto a Londra! Cosa ti lega a questa città, in particolare?

Rocco: Sicuramente il fatto che ci sono tanti italiani, c’è una forte comunità italiana. Sono orgoglioso di poter venire qui a rappresentare questa comunità. Questa sera c’è tanta gente. Farò un concerto per cercare di rappresentare bene il nostro Paese.

Monica: Questo posto, The Garage, è molto ‘indie’. Quali sono le tue aspettative per l’atmosfera di questo posto un po’ particolare per il tuo tipo di musica?

Rocco: La mia è musica trasversale che parte dal Rap comunque Underground, arriva al Pop, Reggaeton, Latino. Stasera ci sono tutti questi pezzi in scaletta. Quindi sono sicuro di riuscire a sorprendere un tipo di pubblico che non si aspetta determinate cose da me.

Monica: La nuova canzone ‘Musica Italiana’ è molto bella ed è dedicata a noi italiani all’estero. Io vivo a Londra da 26 anni e mio figlio, di 17 anni, è nato qui ed è bilingue. La tua canzone la sentiamo nostra con le parole dedicate a noi. Ho visto che ha avuto anche molto successo a Viva Rai 2 con Fiorello qualche giorno fa. C’è una tua esperienza personale che ti ha fatto voler scrivere questa canzone?

Rocco: Sicuramente l’emozione di quando si viaggia all’estero e soprattutto per voi che vivete all’estero, la soddisfazione e l’orgoglio che vi assale quando ascoltate una canzone italiana al supermercato, al bar, al ristorante. Penso sia una bellissima soddisfazione. Volevo proprio racchiudere quella sensazione.

Monica: Ci sei riuscito! Però volevo sapere perché hai scelto New York e non Londra come sfondo per il videoclip della canzone ‘Musica Italiana’…

Rocco: Io sono cresciuto con la cultura americana newyorkese. C’è una forte comunità italoamericana lì. Non ho vissuto lì ma sono cresciuto con la musica hip hop che ha influenzato il mio stile. Però a New York non ho ancora fatto il concerto. Porto per la prima volta la mia ‘Musica Italiana’ fuori dall’Italia qui a Londra.

Monica: Allora siamo i primi. Che bello! La prossima volta ti vogliamo vedere allo stadio di Wembley. In Italia riempi gli stadi e vedrai che anche qui lo farai presto.

Rocco: Speriamo! Stiamo crescendo. La prima volta, qualche anno fa, abbiamo suonato al Brixton Jam, oggi questo e la prossima volta vedremo. Step by step. Un saluto a tutti gli amici italiani di Londra da Rocchino!

Facebook Comments