Finding strength in smiles: A conversation with Paola Cortellesi on laughter and women’s empowerment

Already a talented actress and screenwriter, Paola Cortellesi has orchestrated an explosive mix of emotions in her directorial debut, There’s Still Tomorrow.

This article is available in Italian at the bottom of this page. – L’articolo è disponibile in italiano in fondo a questa pagina.

It’s as if she took a bit of comedy, a pinch of drama, and a touch of art, crafting a cinematic bombshell. Set in 1946, when Italian women finally gained the right to vote, the film refuses to leave audiences indifferent. Its narrative resonates deeply, as if every Italian sees a piece of their own family reflected within its plot, exploring poignant and topical issues surrounding the abuse of women.

Drawing from the stories of her grandmothers, Paola Cortellesi infuses the film with authenticity and depth. By choosing to set the story in the past, she sheds light on the toxic machismo still prevalent in our society. Meeting Paola feels like catching up with a long-lost friend; her shrewd wit and overwhelming authenticity infuse There’s Still Tomorrow with an unforgettable experience.

Paola Cortellesi posing for mums magazine on bright backdrop

PAOLA CORTELLESI – Photo by Adolfo Franzo’

Monica: Congratulations on your directorial debut with ‘There’s Still Tomorrow’! Your contribution to the emancipation of women through comedy films such as ‘Do you see me?’, ‘Nobody Can Judge Me’, and ‘Mum or Dad’ is commendable. I’ve also been actively involved with London Mums for 26 years, striving toward the same goal. What actions do you believe can catalyse significant societal change today?

Paola: Thank you. While a film may not single-handedly revolutionise society, it possesses the power to prompt reflexion. In my various works, particularly comedies, I’ve aimed to play with and shed light on natural facets of women’s lives. Addressing topics like wage inequality, as we did in ‘Sorry I Exist’, serves to highlight issues that persistently affect us. Every story has the potential to inspire change. I hope ‘There’s Still Tomorrow’ resonated similarly to my previous works, which I’ve had the privilege to write and collaborate on with directors such as Riccardo Milani and Cristina Comencini.

Paola Cortellesi relaxed

Monica: Aristotle famously defined humour as the ‘salt of communication’, adding flavour and revealing the true essence of things. Your mastery of this art, using satire to tackle significant issues in your work, is truly remarkable. Audiences may initially be surprised by the humour, yet even amidst the tragedy of the plot, they find themselves smiling. How did you find the process of transforming anger into something that brings laughter to people’s lives?

Paola: For me, it feels natural to approach even the most tragic events with humour, as humour serves as an immensely powerful vehicle for communication. Making people laugh is a gratifying experience, and I’m indebted to those who have brought laughter into my own life. It was almost instinctual for me to choose this path. I believe that through humour, one can convey profound truths. I don’t subscribe to the notion that even the most serious subjects should be approached in a monotonous manner.

Reflecting on the stories of war shared with me by my grandmothers, I recall how they often infused these narratives with irony, perhaps as a means of exorcising the ugliness of those moments, or maybe because it’s inherent to our Roman character. Yet, even amidst adversity, there was an underlying absurdity and humour, a naiveté characteristic of that generation. Despite the violence they endured, there was a resilience fuelled by outward expressions of levity. That’s why it felt natural for me to narrate this story with an ironic, humorous, and sometimes even ludicrous tone.

Film There's Still Tomorrow by Paola Cortellesi

The ridicule in my storytelling is particularly aimed at the antagonists of the narrative, ensuring they are never glorified or emulated. Through humour, we not only confront but also dismantle the forces of darkness, leaving space for light and resilience to flourish.

Monica: What do you think contributed to the widespread resonance of this film across different cultures?

Paola: The reception of this film as I travelled across Europe was truly unexpected. I never anticipated such a warm embrace for my directorial debut, both in Italy and abroad. Initially, I held certain assumptions about the status of women in various countries, but I was taken aback by the interest even from nations like Sweden, known for their progressive attitudes towards gender equality. It was eye-opening to realise the universality of the themes explored in the film. Whether this commonality is a positive or negative reflexion, I cannot say for certain, but it undeniably underscores the significance of the issues addressed.

Paola Cortellesi film kitchen scene

Monica: Could you share more about the significance of the mother-daughter relationship portrayed in the film and what it meant to you personally to explore it?

Paola: This film explores the deep bond between mother and daughter, focusing on a love story that goes beyond romance. My own daughter has been a source of inspiration for me, guiding many aspects of my creative journey. One evening, while sharing a children’s book that talked about the struggles for women’s rights — a book I selected, as I still guide her reading at 11 years old — the conclusion of this film became clear to me.

I wanted her to understand the sacrifices made to secure the rights she now enjoys and the importance of recognising and defending them. It’s vital for her generation, and those to come, to remain vigilant about protecting these hard-won rights, understanding that they’re not permanent. Thus, the love story between mother and daughter emerges as the beating heart of this film, conveying a message of solidarity and resilience across generations.

Paola Cortellesi film voting day

Monica: Why is it so important for you to make a film set in the post-war period?

Paola: I always wanted to make a contemporary film, but I chose to set it in the past to understand what has changed (fortunately, a lot has changed), but also what has unfortunately remained unchanged: a toxic mentality that poisons a part of our country. I set it in a specific historical moment, in the days of 1946 that were crucial for us women and marked a fundamental change in women’s emancipation.

Monica: Your authenticity is admirable, especially in an era dominated by appearance in show business. How have you handled the pressures of image and what challenges do you see in being authentic, especially for women?

Paola: I, at my age, don’t struggle because I didn’t grow up in the age of social media. I think it is a bit more complicated for young men and women today to come to terms with self-acceptance, considering the models proposed on social media. However, it is a job that is also done in the family, motivating kids in a different way. It’s not something my generation feels. We are lucky! It’s good to be older.

Paola Cortellesi and Monica Costa posing together

Paola Cortellesi and Monica Costa at VUE premiere of ‘There’s Still Tomorrow’ in London

Monica: They say 50 is the ‘Golden Age’. ‘There’s Still Tomorrow’ explores the power of collective action to combat inequality. What main message were you trying to convey with the film’s conclusion, and how do you think it can impact both audiences and society in the long run?

Paola: Well, the story acts as a starting point, you see. A film doesn’t single-handedly change things, but it sparks conversations and a shared determination to address the issues it brings up. Just by talking about it outside the cinema — with friends, family, or your significant other — you naturally get into discussions about women’s rights, igniting a collective movement. That’s the first step. Then comes the hard work. It’s not my job to make big changes, nor do I have that power, but my film stands as a humble contribution.

Monica: ‘There’s Still Tomorrow’ delves into gender roles, social norms, and empowerment in post-war Italy. What led you to tackle such significant topics?

Paola: The issue of violence against women is so widespread that it’s hard not to notice. Sadly, it’s a problem that’s glaringly obvious to all, playing out in the news nearly every day. We’re confronted with a femicide every 72 hours, on average —a shocking and unacceptable reality. I’ve long been an advocate for speaking out against violence towards women. I wanted to tell this story and set it in the past, contrasting a modern-day narrative against a historical backdrop to explore what has changed and what has stayed the same over time. Additionally, I aimed to shine a light on a specific moment in our history.

Paola Cortellesi Interview movie poster

Monica: The character of Delia seems to embody a particular societal archetype. What inspired her creation, and do you find any personal connections to her character?

Paola: Delia is depicted as a woman devoid of awareness, desires, or ambitions — a product of her upbringing and societal expectations. Personally, I don’t see myself reflected in her character; fortunately, I don’t share her circumstances. Her portrayal serves as a reflexion of a common reality where women were conditioned from childhood to conform without questioning whether they were pursuing their own desires or the expectations of others. I hope this portrayal encourages viewers to introspect on their own desires and motivations, questioning whether they’re truly following their own path or merely fulfilling external expectations.

Monica: What themes or elements of your film do you believe resonated most with the audience?

Paola: I believe the audience was already sensitised to the issue of violence against women, unfortunately due to prevalent news coverage. Thus, it was a highly anticipated topic. Additionally, I think the film’s success was influenced by its language and tone, which, despite the tragic theme, weren’t overly sombre. I opted for a humorous tone, which I believe is a crucial tool for conveying truth from multiple angles.

Monica: The use of contemporary music in significant scenes added a modern flair to the historical setting. What inspired this creative decision and how do you think it contributed to the overall narrative?

Paola: Despite its historical setting, the film maintains a contemporary perspective. I deliberately avoided mimicking the stylistic features of Italian realist cinema from past masters. What shocks us today and makes us recoil was often deemed normal in that era, such as spousal abuse. I wanted to juxtapose the same reality on two distinct historical levels, and the same concept applies to the music.

Monica: Why did you choose to incorporate music during the scene depicting violence against Delia, seemingly softening its impact?

Paola: In that moment, I wasn’t simply portraying an isolated incident; rather, I aimed to depict the ongoing reality of Delia’s life. I chose to depict it as a ritual, a cyclical routine she’s trapped in. I selected the well-known Italian song ‘Nessuno‘ (originally performed by Mina) in a dramatic rendition by Petra Magoni. While the song conveys a promise of love (‘nobody can separate us’), with Delia’s husband, it becomes a life sentence. As a contrast, I envisioned a ritual, and while the music played, I envisioned a violent dance — a dance nonetheless. I wanted the violence to be palpable while also ensuring the graphic details didn’t detract from the essence of the situation.

 

Monica: How crucial do you think it is for distribution companies to enhance the promotion of Italian cinema abroad and ensure accessibility to films for Italian communities worldwide? And what significance do you attribute to an Italian artist expanding their work beyond national borders?

Paola: There’s undoubtedly a significant effort, though I’m not privy to all the specifics, to bolster the distribution of Italian cinema internationally. Events like Cinema Made in Italy in London showcase effective film promotion strategies. We could channel more efforts into widespread distribution of lesser-known Italian films and promoting the Italian language, which isn’t as prevalent globally. Additionally, engaging with Italian communities abroad was pivotal in my own journey, particularly during the initial stages of my film tour. I hope to see more Italian films reaching global audiences, as they’re universally appreciated, and the export of our cinema not only enriches Italian communities but also garners love abroad. It’s crucial for Italian films to transcend national borders to extend their impact. Personally, I’ve found that success abroad can amplify appreciation in Italy too. It’s truly gratifying to have our film distributed in the UK by VUE; it breathes extended life into the project. It’s like nurturing a little creation and wanting it to thrive for years to come.

film C'E ANCORA DOMANI LUISA CARCAVALE Paola Cortellesi Interview

Monica: Your English proficiency in ‘Do you see me?’ was quite impressive! Where did you hone your skills so well?

Paola: Oh, just a good ear, I suppose!

Monica: Well, kudos to you, Paola!

Quattro chiacchiere con Paola Cortellesi: Il potere della risata nella rivoluzione delle donne

Di Monica Costa

Già attrice e sceneggiatrice di talento, Paola Cortellesi ha fatto un mix esplosivo di emozioni nel suo debutto come regista con “C’è ancora domani“. È come se avesse preso un po’ di commedia, un pizzico di dramma e un tocco di arte, e li avesse mescolati per creare una vera e propria bomba cinematografica. Ambientato nel 1946, quando le donne italiane hanno finalmente ottenuto il diritto di voto, questo film non ti lascia indifferenti. È come se ogni italiano riconoscesse un pezzo della propria famiglia nella trama, perché tocca così da vicino temi profondi e attuali sull’abuso delle donne. Paola ha tratto ispirazione dalle storie delle sue nonne per questo capolavoro. Ha scelto di ambientare il film nel passato per far luce sul machismo tossico che ancora persiste nella nostra società. E incontrarla è stato come ritrovare un’amica di lunga data. Con il suo spirito sagace e la sua autenticità travolgente, Paola ha davvero reso il suo film un’esperienza indimenticabile.

Monica: Complimenti per il tuo debutto alla regia con “C’è Ancora Domani”! Hai contribuito all’emancipazione delle donne con film comici come ‘Scusate se esisto’, ‘Nessuno mi può giudicare’ e ‘Mamma o papà’. Anch’io, con London Mums, sono attiva a Londra da 26 anni per lo stesso obiettivo. Quali azioni ritieni possano portare a cambiamenti significativi nella società oggi?

 

Paola: Un film non cambia gran che, ma può stimolare la riflessione. Nei vari film che ho scritto, ho voluto giocare, soprattutto nelle commedie. Giocare con argomenti come le naturali istanze femminili è molto più importante. In “Scusate se esisto”, affrontavamo la disparità di salario, una questione che ci tocca sempre, con un impatto più o meno forte. Credo che tutte le storie possano essere fonte di stimolo. Spero che lo sia stato anche per “C’è ancora domani”, così come per i film precedenti che ho avuto l’opportunità di scrivere e realizzare con registi come Riccardo Milani o Cristina Comencini.

 

Monica: Aristotele definiva l’umorismo come il ‘sale della comunicazione’, rendendo tutto più gustoso e rivelando la vera essenza delle cose. Tu eccelli in questo, utilizzando la satira per affrontare temi importanti nel tuo lavoro. Il pubblico potrebbe rimanere sorpreso dall’umorismo, ma nonostante la tragedia della trama, le persone sorridono. Quanto è stato facile per te trasformare la rabbia in qualcosa che avrebbe fatto ridere la gente?

 

Paola: Trovo naturale cercare di raccontare i fatti più tragici usando l’umorismo, che è assolutamente un veicolo molto potente.

È un’esperienza meravigliosa far ridere la gente e sono grata a coloro che mi fanno ridere. È stata una scelta istintiva. Penso che attraverso l’umorismo si possa trasmettere la verità. Non credo che un argomento, anche se drammatico, debba essere trattato in modo monotono. Ricordo le storie della guerra raccontatemi dalle nonne con un tono ironico, forse per esorcizzare quei momenti brutti, forse perché fa parte del nostro carattere romano, ma forse anche perché nella vita reale c’era qualcosa di assurdo e buffo, qualcosa di ingenuo che apparteneva a quella generazione. Nonostante la violenza consumata spesso tra le mura domestiche, c’era qualcosa all’esterno che rendeva possibile andare avanti. Ed era un sorriso. Ecco perché è stato naturale per me raccontare questa storia anche con un registro ironico, umoristico e a volte ridicolo. Il ridicolo è dedicato soprattutto ai cattivi in questa storia, perché non siano mai emulabili.

 

Monica: Perché questo film ha fatto eco a così tante persone in tutto il mondo?

Paola: Portare questo film in giro per l’Europa mi ha riservato delle sorprese. Non potevo immaginare una ricezione così calorosa al mio primo film da regista, né l’enorme successo che ha avuto in Italia, e ancor meno all’estero. All’inizio, avevo dei preconcetti sulla condizione femminile nei diversi Paesi, ma non mi aspettavo che la Svezia, una nazione così emancipata, fosse interessata a questa storia che in Italia ha suscitato un coinvolgimento totale. È stato sorprendente scoprire quanto questo tema fosse comune a molte persone. Non so se questo sia positivo o negativo, ma è un dato di fatto.

 

Monica: Puoi parlarmi della relazione madre-figlia e di cosa ha significato per te esplorarla nel film?

Paola: Questo film racconta una storia d’amore tra madre e figlia, non una storia d’amore romantica. Mia figlia è stata una musa per me, e una sera, mentre leggevamo insieme un libro per bambine che narra la storia dei diritti femminili (un libro che ho scelto io – per ora sono ancora io a decidere le sue letture dato che ha 11 anni), mi è venuto in mente il finale di questo film. Volevo che lei capisse quali sacrifici abbiano comportato i diritti di cui ora gode (e anche io) e che è importante essere consapevoli del percorso fatto per ottenerli, per poterli difendere. La sua generazione, e quelle che verranno, dovranno essere vigili sui diritti acquisiti, poiché non sono eterni. Ecco perché la storia d’amore tra madre e figlia è il cuore pulsante di questo film.

 

Monica: Perché è così importante per te realizzare un film ambientato nel dopoguerra?

Paola: Ho sempre desiderato realizzare un film contemporaneo, ma ho scelto di collocarlo nel passato per comprendere cosa sia cambiato (per fortuna, molto è cambiato), ma anche ciò che purtroppo è rimasto immutato: una mentalità tossica che avvelena una parte del nostro Paese. L’ho ambientato in un momento storico specifico, nei giorni del 1946 che sono stati cruciali per noi donne e hanno segnato un fondamentale cambiamento nell’emancipazione femminile.

 

Monica: La tua autenticità è ammirabile, soprattutto in un’epoca dominata dall’apparenza nel mondo dello spettacolo. Come hai gestito le pressioni legate all’immagine e quali sfide ritieni siano presenti nell’essere autentici, soprattutto per le donne?

Paola: Io, alla mia età, non faccio fatica perché non sono cresciuta nell’epoca dei social. Penso che per i ragazzi e le giovani di oggi sia un po’ più complicato fare i conti con l’accettazione di sé stessi, considerando i modelli proposti sui social. Tuttavia, è un lavoro che si fa anche in famiglia, motivando i ragazzi in modo diverso. Non è qualcosa che la mia generazione senta. Siamo fortunati noi! È bello essere più grandi.

Monica: I 50 anni sono il ‘Golden Age’.

“C’è Ancora Domani” affronta il tea dell’azione collettiva per contrastare le disuguaglianze. Qual è il messaggio chiave che hai voluto trasmettere con la conclusione del film e come credi che possa influenzare il pubblico e la società nel tempo?

Paola: La storia può essere solo uno stimolo. Un film non cambia nulla, ma genera discussione e la volontà di condividere i temi affrontati. Semplicemente, condividendo opinioni fuori dalla sala, con amici, familiari o il proprio partner, naturalmente si parla di donne e si crea un movimento collettivo. Questo rappresenta il primo passo. Successivamente, occorre lavorarci un po’. Non è mio compito né sarei in grado di cambiare nulla, ma il mio film rappresenta un modesto contributo.

 

Monica: “C’è Ancora Domani” esplora temi legati ai ruoli di genere, alle norme sociali e all’empowerment nell’Italia del dopoguerra. Cosa ti ha spinto ad affrontare questi argomenti?

Paola: Il tema della violenza sulle donne è così diffuso che bisogna essere molto distratti per non accorgersene. Purtroppo, è un problema evidente a tutti, che emerge nelle notizie quasi quotidianamente. La cronaca ci mostra un femminicidio ogni 72 ore, in media. È una realtà assurda. Da tempo mi occupo di denunciare la violenza contro le donne. Volevo raccontare questa storia e ambientarla nel passato. Ho voluto realizzare un film contemporaneo ma situato in un contesto storico per comprendere cosa sia cambiato nel tempo e cosa sia rimasto immutato. Inoltre, volevo narrare un momento specifico della nostra storia.

 

Monica: Il personaggio di Delia è stato creato con quale fonte di ispirazione e ci sono degli aspetti di lei con cui ti identifichi personalmente?

Paola: Delia è ritratta come una donna ignorante e priva di consapevolezza, desideri o ambizioni, riflettendo l’educazione ricevuta e il ruolo imposto dalla società. Personalmente, non mi rispecchio in nulla in un tale personaggio; fortunatamente, non condivido la sua condizione. La sua rappresentazione è un riflesso di una realtà comune in cui le donne erano state istruite sin da bambine a obbedire senza domandarsi se stessero seguendo i propri desideri o le aspettative altrui. Spero che questo possa essere un invito a interrogarsi su quale sia il proprio desiderio e se si stia seguendo una propria volontà o le aspettative esterne.

 

Monica: Quali temi o elementi del tuo film hanno suscitato maggior interesse nel pubblico?

Paola: Credo che il pubblico fosse già sensibilizzato sull’argomento della violenza sulle donne, purtroppo a causa delle notizie di cronaca, quindi era un argomento molto atteso. Penso che il successo del film sia stato anche influenzato dal linguaggio e dal tono adottati, che non sono tragici nonostante il tema tragico. Ho scelto di utilizzare un linguaggio umoristico, che ritengo sia un veicolo fondamentale per trasmettere verità in molte direzioni.

 

Monica: L’uso della musica contemporanea in scene significative è stato un aspetto del film che mi ha particolarmente colpito, aggiungendo un tocco moderno all’ambientazione storica. Cosa ha ispirato questa scelta creativa e come pensi abbia contribuito alla narrazione nel suo complesso?

Paola: Il film è contemporaneo nonostante sia ambientato in un’epoca storica. Non volevo scimmiottare gli stilemi del cinema realista italiano dei maestri registi del passato. Ciò che ci sconvolge oggi e ci fa sobbalzare dalla sedia, all’epoca era considerato normale, come ad esempio il marito che picchiava regolarmente la moglie. Volevo narrare la stessa realtà su due piani storici distinti, e lo stesso concetto si applica anche alle musiche.

 

Monica: Perché hai optato per l’uso della musica durante la scena in cui Delia subisce violenza, quasi a attenuarne l’impatto?

Paola: In quel momento, non stavo raccontando il proseguimento di una serata, ma volevo piuttosto mostrare la costante realtà nella vita di Delia. Ho scelto di descrivere un rituale, una routine ciclica alla quale lei è costretta e che poi svanisce. Ho optato per la canzone italiana molto nota ‘Nessuno’ (originariamente interpretata da Mina) in una versione drammatica di Petra Magoni. Pur essendo una promessa d’amore (“nessuno ci può separare”), con quell’uomo diventa un ergastolo. Come contrasto, ho immaginato un rituale e mentre ascoltavo quella canzone mi è venuta in mente di coreografare una danza violenta, ma pur sempre una danza. Ho voluto che la violenza fosse totalmente presente, ma allo stesso tempo ho cercato di evitare che i dettagli cruenti distraessero dall’essenza della situazione.

 

Monica: Quanto è cruciale che le case di distribuzione migliorino la promozione del cinema italiano all’estero e assicurino l’accesso dei film alle comunità italiane nel mondo? E quanto è significativo per un artista italiano diffondere il proprio lavoro oltre i confini nazionali?

Paola: C’è un grande impegno, anche se non conosco i dettagli specifici, per migliorare la distribuzione del cinema italiano all’estero. I festival del cinema internazionale come Cinema Made in Italy a Londra sono esempi di promozione efficace dei film. Potremmo concentrarci maggiormente sulla distribuzione su larga scala dei film italiani meno conosciuti e sulla lingua italiana, meno diffusa globalmente. Inoltre, l’incontro con le comunità italiane all’estero è stato fondamentale per la mia esperienza, soprattutto nelle prime tappe del tour del mio film. Spero che sempre più film italiani vengano distribuiti all’estero, poiché sono apprezzati ovunque e l’esportazione del nostro cinema non solo beneficia la comunità italiana, ma è amata anche all’estero. È cruciale che i film italiani abbiano una vita oltre i confini nazionali per prolungare la loro risonanza. Personalmente, ho sperimentato che il successo all’estero può amplificare l’apprezzamento anche in Italia. È un grande traguardo essere distribuiti in Gran Bretagna da VUE, poiché amplia la vita del film. Tu fai una creaturina e vuoi che viva a lungo.

 

Monica: Nel film “Scusate se esisto”, hai dimostrato una padronanza sorprendente dell’inglese. Dove lo hai imparato così bene?

Paola: Ho soltanto un buon orecchio!

Monica: E dici poco! Brava, Paola!

Facebook Comments